Se la parola “CRAWLING” non vi dice nulla, allora è arrivato il momento di scoprire questa (relativamente) nuova disciplina fitness ereditata dai trend internazionali. Il Crawling, arrivato dagli Stati Uniti, è un’attività fisica particolare che lavora su tutto l’organismo e che ha debuttato nel 2016 a livello mondiale ed è arrivato in Italia solo lo scorso anno.

Crawling: di cosa si tratta

Intanto va detto che nel Crawling non ci sono strumenti, potete scordarvi attrezzi, pesi, step e corde. L’unico strumento che vi serve è sempre a portata di mano: il vostro corpo. In parole povere si tratta proprio di gattonare, percorrendo distanze più o meno impegnative, camminando proprio “a quattro zampe”, ma con il bacino leggermente sollevato rispetto al metodo utilizzato dai soldati per i loro addestramenti. La posizione base è più simile a un’arrampicata in orizzontale.

La filosofia alla base del Crawling

Tim Anderson, cofondatore di Original Strength e autore del libro “Crawling like an adult”, in un’intervista al Washington Post ha spiegato che «I bambini imparano a gattonare prima ancora di saper camminare: Il Crawling li aiuta a sviluppare una buona postura, agevola la coordinazione occhio - mano, e stimola connessioni neurali all’interno del cervello».

Impegnarsi in quello che sembra un gioco da bambini non deve essere motivo di imbarazzo. Tim Anderson dice che non ha mai avuto problemi a persuadere gli atleti a fare le loro migliori imitazioni di un neonato. Quando ha lavorato con qualcuno che è riluttante a gattonare “di solito è una persona sedentaria o una che non sorride molto”, dice, “o in molti casi, entrambi... e non mi sorprende, la nostra gioia e i nostri movimenti sono fortemente connessi”.

Come funziona in Crawling

Il Crawling è adatto a tutte le età e a tutti i tipi di corpo: tutti noi abbiamo gattonato nella nostra vita, crescendo, però, questo tipo di postura viene via via abbandonata, le spalle si incurvano, il collo si piega, e possono subentrare dolori alla schiena e alle articolazioni. Con il Crawling è necessario recuperare quella memoria motoria che ha caratterizzato la nostra infanzia.

 

L’allenamento parte con un riscaldamento in piedi, chiamato cross-crawl in cui si cammina sul posto mentre si tocca il gomito opposto al ginocchio. La tecnica del cross-crawl è uno dei modi più semplici per attivare il cervello e il sistema nervoso. Fornisce gli stimoli motori e sensoriali necessari per assumere il controllo delle funzioni corporee.

 

«Ogni esercizio prevede degli standard che vanno raggiunti prima di poter dire di essere in grado di svolgerlo adeguatamente e di godere pienamente dei benefici che comporta. Per svolgere il Crawling, è necessario muovere il proprio corpo non-stop per almeno 10 minuti», spiega Tim Anderson.

 

Si parte dal Crawling in stile bambino, per poi passare a variazioni più complicate. "La cosa bella del gattonare - inclusi i movimenti più animaleschi, come la camminata a granchio o i movimenti da gorilla - è che mette le tue braccia e i muscoli della cintura addominale in azione, quindi la potenza non viene sprigionata solo dalle gambe," aggiunge Anna Maltby, trainer e editor nel mondo fitness. Per aumentare il livello di difficoltà, è possibile variare il tempo o la distanza di gattonamento, esercitare tutte le varianti e infine aumentare il proprio peso con cavigliere e polsiere oppure trascinare una catena pesante o un borsone.

I benefici del Crawling

Il Crawling è basato essenzialmente sulla contrazione isometrica, e aiuta a sviluppare resistenza, equilibrio e forza su tutto il tronco, addome, schiena, braccia, gambe e caviglie. Questi esercizi migliorano i livelli di pressione sanguigna e persino la cervicale ottiene dei benefici da un regolare allenamento.

 

Il Crawling è una tecnica che può essere svolta come attività unica ma può essere anche integrata nel piano di workout di atleti provenienti da altre discipline perché 10 minuti di Crawling agiscono sul fisico ma anche sulla mente: «Non solo il corpo si allena – continua Anderson - ma quando si gattona non si ha altra scelta che rilassarsi e concentrarsi sull’esercizio, perché altrimenti manca la coordinazione che serve per proseguire. Da un lato lavorano i muscoli, dall'altro si riduce lo stress».

 

Allenamento dopo allenamento il corpo diventa più energico senza affaticare il sistema nervoso, anzi, trasmettendo una sensazione di rinvigorimento e ringiovanimento.

Quale integratore per il Crawling?

Gensan offre una vasta gamma di integratori alimentari in grado di supportare gli sportivi nello sviluppo muscolare, la resistenza fisica ed il recupero post workout. Gli aminoacidi Gensan, ad esempio, sono consigliati negli sport di endurance ma anche negli allenamenti intensi di breve durata, proprio come il Crawling.

 

Anche la creatina è molto indicata per questo tipo di attività perché funziona come “energy shuttle” velocizzando il trasporto di energia dai mitocondri alle fibre muscolari e agisce come “ricarica metabolica”, facilitando il recupero della contrazione muscolare al termine di attività fisiche anaerobiche-alattacide massimali. La creatina si trova naturalmente negli alimenti proteici (carni e pesci) ma il nostro corpo è in grado di sintetizzare solo un grammo di creatina. Ecco perché è così importante integrare questo nutriente naturale nei casi di attività fisica intensa e continuata.

Gensan consiglia CREATINE, l’integratore alimentare a base di creatina in polvere al massimo grado di purezza: 100% qualità Creapure. CREATINE incrementa le prestazioni fisiche in caso di attività̀ ripetitive, di elevata intensità e di breve durata. L’effetto benefico si ottiene con l’assunzione giornaliera di 3 grammi di creatina. Acquistalo sul nostro store per riceverlo in 24/48 ore direttamente a casa tua: