Allenamento

Musica e Sport: tutto quello che c’è da sapere

5 Mins read

Da sempre, il legame tra musica e sport affascina sportivi e atleti di ogni disciplina, ma solo negli ultimi decenni la scienza ha iniziato ad approfondire gli effetti della musica sulle prestazioni atletiche, rivelando connessioni interessanti tra il ritmo, l'umore e le risposte fisiologiche. Ma come avviene questa interazione? In questo articolo vengono esaminate le interazioni psicofisiche, gli aspetti motivazionali e le pratiche consigliate per integrare la musica nell'ambiente sportivo.

Benefici dell’ascoltare musica mentre si fa sport

Iniziamo parlando dei benefici dell'ascolto della musica nello sport. Uno dei più importanti riguarda l'influenza positiva che la musica produce sulle emozioni durante lo svolgimento di attività fisica ad intensità elevate, rendendo l’esperienza più gradevole.

Durante le attività sportive con moderata o alta intensità, le emozioni percepite sotto sforzo non sono positive e possono produrre un effetto di rinuncia dell’esercizio o addirittura di allontanamento dall’attività (1, 2). Alcuni ricercatori hanno mostrato che, in questi casi, ascoltare la musica aiuta a contrastare le emozioni negative svolgendo così un ruolo importante nel migliorare l'adesione allo sport e i risultati dell'attività fisica (2,3).

Come la musica interagisce con lo sport?

Come anticipato, l’ascolto della musica durante lo sport può influenzare gli stati emotivi in maniera significativa, ma non solo. Due recenti studi (4,6) hanno dimostrato che gli effetti della musica sulle prestazioni sportive sono moderate dal tipo di esercizio fisico e dal ritmo della musica e possono influenzare positivamente anche le prestazioni fisiche, lo sforzo percepito e lefficienza del consumo di ossigeno.

Ritmo e Coordinazione

Il ritmo della musica è un elemento chiave per quanto riguarda gli effetti sullo sport. Brani con un ritmo alto (con bpm superiore a 170) sono ideali per gli allenamenti ad alta intensità e allenamenti che prevedono movimenti ripetitivi. Il ritmo di una canzone può aiutare a sincronizzarsi con i movimenti dell'atleta e a migliorare la coordinazione, fungendo quasi da metronomo per la performance (4,9).

Motivazione e Concentrazione

La musica, attraverso le parole di una canzone, agisce inoltre come catalizzatore motivazionale, spingendo gli atleti a superare i propri limiti. Brani energici o con testi ispiratori possono fungere da stimolo mentale per aumentare l'adrenalina, migliorare la concentrazione e superare le sfide. Dei ricercatori della Brunel University hanno dimostrato che la musica può ridurre il tasso di sforzo percepito del 12% e migliorare la resistenza del 15%. Inoltre, la scelta di brani personali può fungere da carburante emotivo, creando un legame emotivo tra l'atleta e la musica, potenziando la motivazione intrinseca (9, 10).

Distrazione dal Dolore

Oltre alla riduzione della percezione dello sforzo, è emerso che negli sport di forza e resistenza la musica può offrire una temporanea via di fuga anche al dolore fisico lieve, consentendo di tollerare con maggiore facilità quelle condizioni in cui è possibile avvertire del dolore (11).

Che musica ascoltano gli atleti?

Non esiste una risposta univoca per rispondere alla domanda “Quale è la migliore playlist da ascoltare durante lo sport?ma di recente l’Università dell’Indiana ha dimostrato che durante l’allenamento è preferibile ascoltare una playlist con musica auto-selezionata piuttosto che programmata dalla struttura sportiva (5).

Secondo i ricercatori una playlist personalizzata agisce nell’allenamento su tre livelli:

  • Motivazione: ascoltare la musica selezionata durante l’attività sportiva aumenta i livelli di motivazione allo sforzo.
  • Emozione: le canzoni scelte personalmente e con qualità motivazionali più forti influenzano positivamente lo stato emotivo durante l’esercizio fisico.
  • Soddisfazione: il grado di apprezzamento della musica ascoltata durante un esercizio è direttamente correlato alle valutazioni di soddisfazione complessiva per quella sessione di allenamento.

In breve, lo studio statunitense evidenzia che maggiore è il piacere relativo alla musica ascoltata durante la sessione di allenamento, maggiore è la soddisfazione complessiva per una determinata esperienza di esercizio e la motivazione a mantenere aderenza verso la stessa.

Tuttavia, una playlist emozionalmente attivante non è sufficiente a ottenere i benefici promettenti derivanti dall’ascolto della musica nell’allenamento. Per la selezione dei brani da inserire nella playlist da utilizzare negli allenamenti occorre tenere in considerazione anche il tempo della musica espresso in battiti per minuto (bpm).

Quale musica è consigliabile per gli sportivi?

Come anticipato, la scelta della musica per l'allenamento è personale e questo vale anche per gli atleti e chiunque pratichi sport; un brano che rievoca emozioni positive ha degli effetti significativi sulla performance. Tuttavia, secondo alcuni studi, la musica da prediligere negli sport con alte o moderate intensità sono brani che hanno un tempo ad alte frequenze, in particolare sono consigliati brani da 170 bpm e fino a 190 bpm (7,8).

Alcuni ricercatori norvegesi hanno condotto uno studio sull’impatto dell’ascolto di musica più veloce o più lenta su una sfida di canottaggio estremamente vigorosa di 30 secondi. Per queste brevi e intense esplosioni di esercizio anaerobico, i ricercatori hanno scoperto che all’ascolto di musica dance elettronica (EDM) con un ritmo veloce aumentavano le prestazioni rispetto all’ascolto di musica a ritmo più lento. La musica con BPM più veloce creava stati di eccitazione più elevati e riduceva lo sforzo percepito durante una sfida di esercizio anaerobico (6).

Ulteriori studi mostrano che l’ascolto della musica con un ritmo elevato durante esercizi di resistenza o con alta intensità, oltre a migliorare l’umore e di conseguenza lo stato motivazionale, ha un effetto fondamentale sulla resistenza e sulla frequenza cardiaca modificando la percezione dello sforzo (7,8).

Bibliografia
  1. Bigliassi, M., Karageorghis, C. I., Nowicky, A. V., Wright, M. J., & Orgs, G. (2016). Cerebral mechanisms underlying music use during exhaustive exercise.
  2. Terry, P. C., Karageorghis, C. I., Saha, A. M., & D’Auria, S. (2012). Effects of synchronous music on treadmill running among elite triathletes. Journal of Science and Medicine in Sport, 15(1), 52-57.
  3. Clark, I. N., Baker, F. A., Peiris, C. L., Shoebridge, G., & Taylor, N. F. (2017). Participant-selected music and physical activity in older adults following cardiac rehabilitation: A randomized controlled trial. Clinical rehabilitation, 31(3), 329-339.
  4. Terry, P. C., Karageorghis, C. I., Curran, M. L., Martin, O. V., & Parsons-Smith, R. L. (2020). Effects of music in exercise and sport: A meta-analytic review. Psychological bulletin, 146(2), 91.
  5. Williams, A. S., Park, B., & Pedersen, Z. P. (2023). The influence of music on self-paced fitness consumers’ perceived motivational qualities and optimal level of emotional state and satisfaction with exercise experience. International Journal of Sport Management and Marketing, 23(4), 310-326.
  6. Pusey, C. G., Haugen, T., Høigaard, R., Ivarsson, A., Røshol, A. W., & Laxdal, A. (2023). Put Some Music on: The Effects of pre-Task Music Tempo on Arousal, Affective State, Perceived Exertion, and Anaerobic Performance. Music & Science, 6, 20592043231174388.
  7. Patania, V. M., Padulo, J., Iuliano, E., Ardigò, L. P., Čular, D., Miletić, A., & De Giorgio, A. (2020). The psychophysiological effects of different tempo music on endurance versus high-intensity performances. Frontiers in Psychology, 74.
  8. Karageorghis, C. I. (2016). Applying music in exercise and sport. Human Kinetics.
  9. Terry, P. C., & Karageorghis, C. I. (2006). Psychophysical effects of music in sport and exercise: An update on theory, research and application. In Proceedings of the 2006 Joint Conference of the Australian Psychological Society and New Zealand Psychological Society (pp. 415-419). Australian Psychological Society.
  10. Brunel University (2008). Jog To The Beat: Music Increases Exercise Endurance By 15%. ScienceDaily.
  11. Kuan, G. (2023). The Effect of Music Listening on Athletes’ Anxiety, Depression, and Pain: A Mini Review. The Asian Journal of Kinesiology, 25(2), 19-25.
Related posts
Allenamento

La playlist ideale per l'allenamento secondo la scienza

6 Mins read
Archiviate le vacanze natalizie, gennaio – celebre per essere il mese dei buoni propositi – segna per noi il ritorno all’allenamento in…
Iscriviti alla nostra Newsletter